Russia e Italia

Russia e Italia

Una ricca, plurisecolare storia e il solido valore del patrimonio culturale e spirituale comune caratterizzano le relazioni russo-italiane.

Dopo la riunificazione dell’Italia e l’istituzione del Regno d’Italia nel 1861 l’evento principale nella storia dei due Paesi fu, nel 1862, il riconoscimento ufficiale del nuovo Stato da parte della Russia. Nel 1876 le missioni diplomatiche dei due Paesi a San Pietroburgo e a Roma furono convertite in ambasciate. URSS e Italia stabilirono relazioni diplomatiche nel 1924 con lo scambio delle rispettive note (il 7 febbraio – da parte sovietica, il 10 febbraio – da parte italiana). Il 22 giugno 1941, con l’inizio della Grande Guerra Patriottica, le relazioni diplomatiche furono interrotte e ristabilite il 25 ottobre 1944.

Attualmente i principi chiave dei rapporti bilaterali sono formulati nel Trattato di amicizia e di cooperazione tra la Federazione Russa e la Repubblica Italiana del 14 ottobre 1994 nonché nel Piano d’azione delle relazioni tra la Federazione Russa e la Repubblica Italiana del 10 febbraio 1998. La solida base di tali rapporti, rappresentata da accordi intergovernativi e interministeriali in diversi settori, è in costante espansione.

La Russia e l’Italia auspicano il mantenimento e lo sviluppo di un intenso dialogo politico. I leader dei due Paesi hanno colloqui e incontri regolari sia nel formato bilaterale, sia a margine di eventi internazionali. Il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella e il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana sono stati in Russia in visita ufficiale, rispettivamente ad aprile 2017 e a ottobre 2018. Il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin si è recato in visita ufficiale in Italia nel luglio 2019.

Rimangono intensi i contatti interparlamentari. Nel 2019 sono stati in Russia in visita ufficiale il Presidente del Senato della Repubblica Italiana Maria Elisabetta Alberti Casellati e il Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana Roberto Fico. Dal 2000 è operativa la Grande Commissione Interparlamentare Italia-Russia, la XVI seduta della quale si è svolta a Mosca a marzo 2019. 

Il 27 ottobre 2020 è stata organizzata una videoconferenza promossa dal Comitato per gli Affari Internazionali del Consiglio della Federazione dell’Assembla Federale della Federazione Russa e dalla Commissione Affari Esteri ed Emigrazione del Senato della Repubblica Italiana, copresieduta dai senatori Konstantin Kosatchev e Vito Rosario Petrocelli.

Il 17 novembre 2020 si è tenuta una videoconferenza su iniziativa del Comitato per gli Affari Internazionali della Duma di Stato dell’Assemblea Federale della Federazione Russa e della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei deputati della Repubblica Italiana, copresieduta dai deputati Leonid Slutskiy e Piero Fassino.

Nel corso delle riunioni interparlamentari si è avuto un ampio scambio d’opinioni ed è stata constatata una convergenza d’interessi su molte questioni dell’agenda internazionale.

I Ministeri degli Affari Esteri svolgono consultazioni approfondite su un vasto spettro di questioni bilaterali e internazionali. Il Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov partecipa tradizionalmente alla conferenza internazionale annuale “Rome – Mediterranean Dialogues”. Il 4 dicembre 2020 Sergey Lavrov ha preso parte alla VI edizione della Conferenza.

Dal 2010 si svolgono gli incontri russo-italiani dei Ministri degli Affari Esteri e della Difesa “2+2”, la quarta riunione si è tenuta a Roma nel febbraio 2020.

Le questioni fondamentali della cooperazione economico-commerciale sono affrontate dal Consiglio italo-russo per la cooperazione economica, industriale e finanziaria che, istituito nel 1999, è giunto alla sedicesima sessione. 

È stabilita un’interazione efficace in materia di gestione delle emergenze e delle conseguenze delle calamità naturali. Rispondendo alla richiesta del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana di assistenza nella lotta all’epidemia da nuovo coronavirus, il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha inviato in Italia un contingente medico militare. Dal 22 marzo al 15 maggio 2020 gli specialisti russi della missione umanitaria hanno eseguito la disinfezione e la sanificazione di alcune strutture pubbliche, dei territori adiacenti e delle strade nelle provincie di Bergamo e di Brescia, hanno fornito attrezzature mediche e prestato cure mediche a pazienti italiani con COVID-19 nell’ospedale da campo di Bergamo.

Il 26-27 agosto 2021 il Ministro degli Affari Esteri della Russia Sergey Lavrov è stato in visita ufficiale in Italia dove ha incontrato il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Mario Draghi e il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio. Le Parti hanno affrontato i principali temi bilaterali e discusso nel dettaglio dei temi dell’agenda internazionale.

I legami interregionali rivestono un ruolo essenziale nei rapporti bilaterali. Sono stati firmati e vengono implementati oltre 40 accordi tra le regioni della Federazione Russa e della Repubblica Italiana che collaborano attivamente in diversi campi. 

Dal 2004 è operativo il Forum di dialogo italo-russo delle società civili, costituito in conformità alle intese raggiunte al massimo livello e finalizzato a favorire i contatti tra i rappresentanti delle società civili dei due Paesi nei diversi settori.

Si sviluppa costantemente la cooperazione tecnico-scientifica bilaterale tra l’Accademia delle Scienze della Federazione Russa, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e l’Accademia Nazionale dei Lincei e altre istituzioni. Attualmente l’interazione in questa sfera si svolge sulla base del Programma congiunto per la cooperazione tecnico-scientifica e la realizzazione delle gare congiunte per i progetti russo-italiani per gli anni 2019-2023, firmato il 4 luglio 2019 nell’ambito della visita ufficiale del Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin in Italia.

Molto intensa è la cooperazione culturale e umanitaria tra i due Paesi. L’attività di scambio tra istituti museali è ormai consolidata, nelle città italiane si svolgono regolarmente tournée di artisti e proiezioni di film russi. 

Costante rimane il dialogo tra i dicasteri dei due paesi. Il 6 febbraio 2020 a Roma si è svolta la riunione del Gruppo di lavoro per la cultura nell’ambito del Consiglio russo-italiano per la cooperazione economica, industriale e finanziaria. Sono stati concordati i piani di cooperazione bilaterale nel rispetto delle priorità fissate dal Programma russo-italiano degli scambi nel campo della cultura e dell’istruzione per gli anni 2019-2022, firmato il 4 luglio 2019 nel corso della visita ufficiale in Italia del Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin.

Secondo le intese raggiunte al margine della XVII sessione del Consiglio Italo-Russo per la Cooperazione Economica, Industriale e Finanziaria ad ottobre 2020, negli anni 2021-2022 si svolge l’Anno Incrociato dei Musei Russia-Italia. Nelle città russe e italiane sono programmate numerose esposizioni di arte classica e contemporanea.